Aquilani ispira, Ibra non perdona