Cassano, tra ipotesi e “tutto tace”