Dentro Thiago, fuori Sandro