Zittiti i critici “aprioristici”, il Milan risorge