Doppio Ganz: la Primavera torna a sorridere