Il "profetico" Allegri