Taiwo, un addio che sa di beffa