Bierhoff: il cannoniere di testa