Abate, il segreto della difesa rossonera