Bilancio in rosso, ma occhio all'Imperatore Adriano