"Cassanate", quando la strumentalizzazione è di rigore