Il mercato rossonero, tra prestiti e comproprietà