Si medita sul nuovo sgarbo: Diego Forlan