Da Pato a Traoré: quando l'uomo mercato è lui