Hernanes e Rigoni, dal "sogno" rossonero al "sogno" infranto