Quando l'onore prevale sull'utile