San Siro, un tempio vuoto che richiede top player