Saldi, saldi, saldi. Un mercato da precari veri o presunti