Cassano, il "cuore" nerazzurro che gli interisti prendevano in giro