Abbiati, Abate, Boateng: i tre "superstiti" di Pechino