Nel Milan, che cresce con El Shaarawy, scende Pazzini