Niang & Mastour: tanto lavoro per il futuro, ma il presente?