Sheva, le prime elezioni sono da dimenticare