Tra sogni e necessità, ecco la rivoluzione rossonera