Basta col “falso nueve”, urge ridisegnare la posizione del Boa