Zenit: l'attacco c'è, la continuità no