E' ancora "effetto SuperMario", ma il nervosismo sale