Elogio a Max, Conte della banda degli umili