Il paradosso di Bojan: non gioca, ma ha lo "sponsor" numero uno