A San Siro la Lazio è un muro, anche per Allegri: ecco perché