Solito Milan, insolito Galliani. E se la colpa fosse la conferma di Max?