Gandini: "Ogni nome fatto dalla stampa diventa un idolo"