Ieri sacrificabile, oggi incedibile: paradosso El Shaarawy