L’anno di Pazzini, dalla speranza all’addio?