Editoriale - Alex, l'insostituibile di cristallo