Il Borsino. Doppio caldo rossonero: Dubai e mercato