Mondiale per club nel caos, la Fifa gioca la carta della disperazione