editoriale dimitri - La gara di Torino, una vergogna senza fine