Tra geometrie e postura, il Milan rincorre l'irrilevante