Donadoni, l'uomo giusto per una (nuova) stagione di passaggio