Milan, il piano è Bacca più Ibra