Il mercato delle seconde linee: sfoltire la rosa è d’obbligo