Giù le mani da De Jong: non è lui l'origine dei problemi rossoneri