Il secondo Milan di Mihajlovic è una dolce sorpresa: palle inattive, finalmente un punto di forza