Il Milan di Miha, con o senza Ibra