La linea sottile tra utilità e dipendenza