L'ingombrante "colonia" italiana