Il ritorno al futuro rossonero si legge 4-4-2. L'analisi