Miha e il suo "4-2-4": Cerci è l'ago della bilancia. Ma Honda spera