Bonaventura esclude Niang, ma al francese ora non si può rinunciare